Paolo Bruni

Paolo Bruni

OmnitechIT Delivery Director

ENEN
ITAITA

The first story is told by Paolo Bruni, Delivery Director of OmnitechIT Group

What is your name and where were you born?
My name is Paolo Bruni and I am the Delivery Director of the OmnitechIT Group. I was born in Frascati (Rome) and live in Grottaferrata (Rome).

What are your main passions and the things you love the most? What are the things you can’t stand? What is your attitude towards mistakes and how do you deal with them?
My main passions are my family, my motorbikes, football and my deep love of travel, which I love to do whenever I can, choosing always new and interesting places.

One thing I cannot stand is falsehood, hypocrisy. I like straightforward, direct people, that do not hide their true thoughts and that have the courage of truth. I always try to help those around me to be sincere and open, being the first to be so with them.

You then ask me how I react to mistakes. It depends! There are different kinds of mistakes and errors! We can all be wrong sometimes. It is human. Of course, if it is an error that is always repeated the same, I try to ensure that it is not repeated any more, going into the depths of the reasons why it was made. If it is an isolated fact due to inexperience, then the error becomes a means of analyzing what happened openly and without prejudice, to understand what we can all learn from the episode so as not to fall again in the future.

How did you get to OmnitechIT and what role do you have in the company today?
I joined OmnitechIT when it was born and, as one of its founding members, I have experienced the various moments of its evolution. For me this was somehow a “life project”. At the beginning, all of us “founding members” had to learn to manage a bit of everything, from bid negotiation, to the offer preparation, from the contract to the delivery of the service and the administrative part.

Then came the first major contracts, the growth of the organization, as each of us members specialized in a particular business area. In my case, Delivery. And it all happened in a few years. Just flown by.

Do you remember the moment you first entered OmnitechIT, the first people you met, your feelings, fears, uncertainties, projects, dreams?
My entry into the company was a special one: in fact, as a founding member I have always felt a strong personal connotation in working at OmnitechIT and therefore a particular attachment to the destinies and well-being of the company, which has always been part of my life project.

As Project Leader how did you overcome the difficulties of the “blank page” you were faced with, and how did you deal with it?
Each project is a sort of hurdle race. Think of the 3000 meters steeplechase. Speaking in “full metaphor”, you know that the Olympic competition is based on a 7.5 laps of track race.

Here, in the case of projects, the first 2-3 laps are the start of the project, with the initial peak of work. Objective: to establish the “right” communication with the customer and establish a relationship of maximum trust. Then find TEMPORAL SPACES in the customer’s agenda to enter into his “thank you” zone and be recognized, with respect to the competition (always fierce), as a competent and reliable partner. It’s not always easy, I assure you.

Then in the middle of the race, let’s say between lap 4 and 6, there is a phase of study and waiting, in which the Delivery team must maintain control of the “race” making continuous checks on the status of activities and solving, if they arise, problems “in race”.

So, in the last lap and a half and down to the finish line, there is a phase of defining the final conditions for closing the project, where it is important to keep the dialogue with the customer alive and open.

The final prize, finally, comes when the customer, satisfied with the execution of the activity and having obtained the expected benefits, on the one hand asks us to extend the scope of the project or a contract renewal, or on the other hand, speaks well about us with other customers.

It’s really like winning an Olympic gold medal.

What did it mean for you to take responsibility for a Team? What values do you communicate to your team?
There is always a lot of commitment and involvement in working at OmnitechIT, but everything is supported by the desire to do well, and to help both our clients and the team of Project Managers to put in place all their expertise and experience. Above all, I do everything I can to reassure my people, for them to have confidence in me as their leader and in themselves as professionals, always.

Do you remember an episode in your professional life that marked your path and left you a life lesson?
There are a many memorable episodes that I could recall. But the reality is that every time I talk to colleagues in the team about how we can do a good job with a customer, I feel fulfilled and willing to do well, indeed to do better and better. In this way and in this spirit, we win contracts, we deliver great projects and, when it is required, we overcome difficult moments, which can happen. And they help you grow.

What did you find and what do you find in your work environment today at OmnitechIT that gives you the “right” sense and motivation?
The sense of being part of a working group like OmnitechIT is precisely the great personal involvement in the project. After all, I also feel here in the Roman headquarters of Via Fiume Giallo 3 a bit like at home. Of course, there are sacrifices and a lot of time and energy is spent at work, but I always receive priceless satisfaction in return.

What is the sentence or statement that best represents you and best represents the experience in OmnitechIT, human and professional?
If I use a football player position comparison, I would say that I don’t see myself neither as an attacker, goalkeeper, defender or even a right wing in the ‘ideal’ OmnitechIT football team. Rather, I like to think that I’m, and sometimes some colleagues like to call me such, a fantasist, the one who, in critical moments of the game, invents the winning assist that fixes a situation that suddenly had become complicated. This is how I see myself!

What would you say to a young person who wants to work in OmnitechIT?
I will not tell you what I would say. Rather, I’ll tell you the 3 things I always tell young people who want to work at OmnitechIT.

First: The only way to get a stable job today is to have skills that are useful to companies, to know the technical subjects well, to be always up to date and to transmit this ‘substance’ to customers and colleagues. Qualifications, however prestigious they may be, are not enough on their own.
Second: The OmnitechIT Group works towards objectives. So, it is essential to be accountable, autonomous and flexible.
Third: Respect for one’s own work and for others. Listen and learn always.

And then a final message:

“Guys, find your way, love your work and do it with passion, work as a team and, finally, strive to be a little better every day, better than the previous day. With these “ingredients” you will go very far in your work and in your life. Trust me!”


                   La prima storia ce la racconta Paolo Bruni, Delivery Director di OmnitechIT


Come ti chiami e dove sei nato?
Mi chiamo Paolo Bruni e sono il Direttore del Delivery di OmnitechIt Group. Sono nato a Frascati (Roma) e vivo a Grottaferrata (Roma).

Quali sono le tue principali passioni e le cose che ami di piu’? Quali sono le cose che non sopporti? Qual’e’ il tuo atteggiamento nei confronti degli errori e con che spirito li affronti?
Le principali passioni sono la mia famiglia, le moto, il calcio e l’amore per i viaggi, che amo fare quando posso scegliendo posti sempre nuovi e interessanti.

Una cosa che non sopporto è la falsità, l’ipocrisia. Mi piacciono le persone schiette e dirette. Che non nascondono i loro veri pensieri e che hanno il coraggio della verità. Io cerco sempre di aiutare chi mi circonda a essere sincero e aperto, essendolo per primo io con loro.

Se poi mi chiedi come reagisco agli errori. Ecco. Ci sono errori ed errori! Tutti possiamo sbagliare. E’ umano. Certo, se è un errore che si ripete sempre uguale, cerco di fare in modo che non si ripeta più andando a fondo dei motivi per cui è stato fatto. Se è un fatto isolato legato all’inesperienza, allora l’errore diventa un mezzo per analizzare l’accaduto in modo aperto e senza pregiudizi, in modo da capire cosa tutti possiamo imparare dall’episodio per non ricaderci in futuro.

Come sei approdato a OmnitechIT e che ruolo ricopri oggi in azienda?
Sono entrato in OmnitechIT quando è nata e, come uno dei soci fondatori, ho vissuto i vari momenti della sua evoluzione. Questo per me è stato in qualche modo un progetto di vita. All’inizio tutti noi soci fondatori abbiamo dovuto imparare a gestire un po’ tutto, dalla negoziazione, all’offerta, al contratto, per passare dal delivery del servizio fino alla parte amministrativa.

Poi sono arrivati i primi contratti importanti, la crescita dell’organizzazione e, mano a mano, ognuno di noi soci si è specializzato in una particolare area aziendale. Nel mio caso il Delivery. E tutto è accaduto in pochi anni. Volati via.

Ricordi il momento che sei entrato la prima volta in OmnitechIT, le prime persone incontrate, le tue sensazioni, paure, incertezze, progetti, sogni?
Il mio ingresso in azienda è stato lo definirei particolare: infatti come Socio fondatore ho sempre sentito una forte connotazione personale nel lavorare in OmnitechIT e quindi un particolare attaccamento ai destini ed al benessere della azienda, che ha sempre fatto parte del mio progetto di vita.

Come capo Progetto come hai superato le difficoltà della “pagina bianca” che ti sei trovato di fronte, e come lo hai affrontato?
Ogni progetto e’ una corsa ad ostacoli. Pensate ai 3000 siepi. Parlando in “fior di metafora”, sapete che la gara olimpica e’ una corsa su 7,5 giri di pista.

Ecco, nel caso dei progetti, i primi 2/3 giri sono lo start-up del progetto con il picco iniziale di lavoro. Obiettivo: instaurare la “giusta” comunicazione col cliente e stabilire un rapporto di massima fiducia. Quindi trovare SPAZI TEMPORALI nell’agenda del cliente per entrare nelle sue “grazie” ed essere riconosciuto, rispetto alla competition (sempre agguerrita), come un partner competente e affidabile. Non è sempre facile, te lo assicuro.

Poi nella parte centrale della corsa, diciamo tra il 4 e il 6 giro, c’è una fase si studio e di attesa, nella quale il team Delivery deve mantenere il controllo della “gara” facendo dei continui check sullo stato delle attività e risolvendo, se sorgono, problemi “in corsa”.

Quindi, nell‘ultimo giro e mezzo e giù fino al traguardo, c’è una fase di definizione delle condizioni finali di chiusura del progetto, dove è importante mantenere il dialogo col cliente vivo e aperto.

Il premio finale, infine, arriva nel momento in cui il cliente, soddisfatto dell’esecuzione dell’attività e per avere ottenuto i benefice attesi, da un lato ci chiede una estensione dello “scope” del progetto o piuttosto un rinnovo contrattuale, dall’altro parla bene di noi con altri clienti.

E’ davvero come vincere, nel piccolo, una medaglia d’oro Olimpica.

Cosa ha significato per te acquisire la responsabilità di un Team? Che valori trasmetti alla tua squadra?
C’è sempre tanto impegno e coinvolgimento nel lavorare in OmnitechIT, ma il tutto è sostenuto dalla voglia di far bene, di aiutare i nostri clienti ed il team di Project Managers a mettere in campo tutte la loro competenza e esperienza. Soprattuto io faccio il possibile perché le mie persone siano rassicurate e abbiano fiducia in me come loro leader e in se stessi, sempre.

Ricordi un episodio della tua vita professionale che ha segnato il tuo percorso e che ti ha lasciato una lezione di vita?
Ci sono moltissimi episodi che potrei citare. Ma la realtà è che ogni volta che mi confronto con colleghi del team su come possiamo fare un bel lavoro con un cliente, io mi sento realizzato e voglioso di fare bene, anzi di fare sempre meglio. E in questo modo ed è con questo spirito che si vincono i contratti. si fanno dei bei progetti e, se capita, si superano i momenti difficili, che possono capitare. E ti aiutano a crescere.

Che cosa hai trovato e cosa trovi oggi nel tuo ambiente di lavoro in OmnitechIT che ti da il senso e le motivazioni “giuste”?
Il senso di essere parte di un gruppo di lavoro come OmnitechIT è proprio il grande coinvolgimento personale nel progetto. In fondo mi sento anche qui nella sede romana di Via Fiume Giallo 3 un po’ come a casa. Certo si fanno sacrifici e si dedica tanto tempo e energia nel lavoro, ma in cambio ricevo sempre soddisfazioni impagabili.

Qual’è la frase o l’affermazione che meglio ti rappresenta e meglio rappresenta l’esperienza in OmnitechIT, umana e professionale
Con un paragone calcistico, direi che nella squadra di calcio OmnitechIT non mi vedo né come attaccante, portiere, difensore o ala destra. Piuttosto mi piace pensare di essere, e talvolta qualche collega simpaticamente mi definisce tale, un fantasista, quello che nei momenti critici della partita inventa l’assist vincente che risolve una situazione diventata improvvisamente complicata. Ecco, così mi vedo!

Cosa diresti a un giovane che volesse lavorare in OmnitechIT?
Non ti dirò cosa direi. Ti dico al contrario le 3 cose che dico sempre ai ragazzi che desiderano lavorare in OmnitechIT

L’unico modo per ottenere oggi un lavoro stabile è possedere delle competenze utili alle aziende, conoscere bene la materie tecniche, essere sempre aggiornati e trasmettere questa ‘sostanza’ a clienti e colleghi. Il titolo di studio, per quanto prestigioso, da solo non basta

In OmnitechIT Group si lavora per obiettivi. Per cui è fondamentale essere rresponsabili, autonomi e flessibili.

Rispetto per il lavoro proprio e degli altri. Sempre. Ascoltate e imparate.

E poi un messaggio finale:

“Ragazzi, trovate la vostra strada, amate il vostro lavoro e fatelo con passione, lavorate in squadra e, infine, impegnatevi a essere ogni giorno un po’ migliori del precedente. E sappiate con questi “ingredienti” si va lontano. Assicurato.”