Mauro Arciprete

Mauro Arciprete

Project Manager

ENEN
ITAITA

Here we are in the fifth story of the series.

The story is told by Mauro Arciprete, PM of OmnitechIT Group.

Happy problems!

How did you get to OmnitechIT and what role do you have in the company today?

I have been in OmnitechIT since 2009. I have taken on the role of Project Management Coordinator and am therefore responsible for supervising and consolidating the activities of my colleagues involved in the various projects.

What are your main passions and the things you love the most? What are the things you can’t stand?

I have three great passions in life: Theater, sports and volunteering. In the first case, I am passionate about both the expressive and the acting parts. Theater is an art form that requires a lot of effort, but also gives a lot back to those who practice it.

Then there is sports. I practiced a lot and at a good level, always amateur of course. I don’t have much time, but when I can I practice because I know that “mens sana in corpore sano” is not just a saying. Then there is an aspect of my life that I would like to emphasize and that I share with many Italians. It is volunteering. In fact, I am involved in an association that promotes the so called “Clowning”. If you saw the movie played by Robin Williams, you have an idea of what this is about. We perform not only in hospitals, such as in the “Patch Adams” movie, but also in other places where humanity suffers and needs comfort. For example, in prisons, in family houses, in deprived neighborhoods, etc. It’s a great way to experience life in the neighborhood firsthand and not as an observer. I hope that my small contribution will serve to alleviate the discomfort of the many for whom life has not been so generous and have been unfortunate.

As for the things I can’t stand, one out of all: intolerance. To give the idea, intolerance “makes me burst! When I speak of intolerance I mean intolerance towards those who are different from you, those who do not think like you, those who are not from the same country or the same religion. I strongly believe that all men and women have equal rights and dignity on this planet and that diversity is a richness and not an issue. What’s important is for all to be open to dialogue, to listening, to find the point where I win and you also win. As an individual and as a society.

Do you remember the moment when you first entered OmnitechIT, the first people you met, your feelings, fears, uncertainties, projects, dreams?

When I joined OmnitechIT the company had just started and so it was very different from today. Then, over the years, OmnitechIT has gradually expanded, with new colleagues and new offices. Everything has changed, except for the dream that the founders shared: that of a quality company that had the success in Digital Transformation of its customers at its center and the development of its people internally. Working in OmnitechIT was what I wanted and today it continues to give me satisfaction.

As Project Manager how did you overcome the difficulties you faced at the beginning of the adventure in OmnitechIT, and how did you face and overcome them?

In an environment where there is 360° collaboration everything becomes easier. You can work as a team and not as a single person, win together, face problems, both predictable and unpredictable.

On the other hand, I do not believe that there is an alternative to working in team. Many minds working for a single, shared mission can make the difference.

In my role as coordinator, I fully live this goal: to be a facilitator for the work of the people in the PM team and to be someone that people can trust.

Do you remember an episode in your professional life that marked your path and left you a life lesson?

The memory of an episode that refers to a feeling that I relive almost every day in OmnitechIT.

The approach, the atmosphere that you ‘feel’, everything helps make the relationship between professional preparers into something more. In the end, let’s say it: the relationship between colleagues often turns into friendship, and I say it because there have been times when personal events (recently the marriage of a person in the team) have been experienced by all colleagues with passion. And in the end a bit of joy and enjoyment in life give spice to life.

What did you find and what do you find in your work environment today in OmnitechIT that gives you the “right” sense and motivation?

Motivation comes from the team. This is the basis on which the personal and professional history of all of us is built.

In the end in OmnitechIT, I feel free to be myself and I can give the best of myself. This is worth a great deal.

What is the phrase or statement that best represents you and best represents the experience in OmnitechIT, human and professional?

A statement by a professor of mine at the time of University, was this: “I don’t see problems only as problems, but as a source of solutions”.

Do not close yourself in blind alleys where the things that worry you cloud you and do not make you think. So, is the concept of Happy Problems. Focusing on the solutions and opportunities that the problems inherently bring, I think allows you to optimize your effort and at the same time you can live these situations in a positive way.

One day a client told me that he had chosen the OmnitechIT Team for the project because “… I know that you will take charge of my problems as if they were yours”. That is the difference.

What would you say to a person who wanted to work at OmnitechIT to help them decide?

If I had a student in front of me who loves science, mathematics and computer science, I would say:

“To find your way in work and independence, look for a company where there is attention to ideas and continuous improvement.

Be courageous in your search for an environment that is dynamic and rich in change. Find a workplace where people openly speak, provide idea exchanges and help each other.

Working as a team makes the difference. Remember that training and constant technical updating is not a journey that ends with the University diploma, but continues throughout all your life.

Today I can say I found this place.

It is called OmnitechIT and I am happy to work here!”


Eccoci alla quinta storia della serie.

La storia ce la racconta Mauro Arciprete, PM di OmnitechIT Group.

Happy problems!


Come ti chiami e dove sei nato?

Mi chiamo Mauro Arciprete. Vivo attualmente a Roma, dove sono nato.

Quali sono le tue principali passioni e le cose che ami di più? Quali sono le cose che non sopporti?

Nella vita ho tre grandi passioni: Il teatro, lo sport e il volontariato. Nel primo caso mi appassiona sia la parte espressiva che quella recitativa. Il teatro è una forma di arte che impegna molto ma restituisce anche molto a chi la pratica.

Poi c’è lo sport. Ne ho fatto tanto e anche ad un buon livello, sempre amatoriale ovviamente. Non ho molto tempo a disposizione ma quando posso lo pratico perchè so che “mens sana in corpore sano” non è un modo di dire. Qui non ci piove. Poi c’è un aspetto della mia vita che mi preme sottolineare e che mi accomuna credo a moltissimi italiani. È il volontariato. Infatti sono impegnato in una associazione che promuove la Clownerie. Se avete visto il film con il compianto Robin Williams avete più o meno un’idea di cosa si tratta. Facciamo interventi non solo negli ospedali, come nel film “Patch Adams”, ma anche in altri luoghi dove l’umanità soffre e ha bisogno di conforto. Ad esempio nelle carceri, nelle case famiglia, nei quartieri disagiati, etc. È un bellissimo modo di vivere la vita di quartiere in prima persona e non da osservatore. Spero che il mio piccolo contributo serva ad alleviare il disagio dei tanti per i quali la vita non è stata generosa e sono stati sfortunati.

Per quanto riguarda le cose che non sopporto una su tutte: L’intolleranza. Per rendere l’idea, l’intolleranza “mi fa venire le bolle”!!! Quando parlo di intolleranza intendo quella verso chi è diverso da te, chi non la pensa come te, chi non è dello stesso paese o della stessa religione. Credo fortemente che tutti gli uomini e donne abbiamo diritti e dignità uguali su questo pianeta e che la diversità sia una ricchezza e non un problema. Quello che conta è essere tutti aperti al dialogo, all’ascolto in modo da trovare il punto in cui io vinco e tu vinci. Come individuo e come società.

Come sei approdato a OmnitechIT e che ruolo ricopri oggi in azienda?

Sono in OmnitechIT dal 2009. Ho assunto un ruolo di Coordinatore dei Project Managers e quindi sono responsabile della supervisione e del consolidamento delle attività dei miei colleghi impegnati nei vari progetti.

Ricordi il momento in cui sei entrato la prima volta in OmnitechIT, le prime persone incontrate, le tue sensazioni, paure, incertezze, progetti, sogni?

Quando sono entrato in OmnitechIT l’azienda era appena partita e quindi era molto diversa da oggi. Poi nel corso degli anni OmnitechIT è andata via via ingrandendosi, nuovi colleghi, nuovi uffici. È cambiato tutto, tranne il sogno che accumunava i soci fondatori: quello di un’azienda di qualità che avesse al centro il successo nella Digital Transformation dei propri clienti e internamente lo sviluppo delle persone. Lavorare in OmnitechIT era quello che desideravo e oggi continua a darmi soddisfazioni.

Come Capo Progetto come hai superato le difficoltà a cui ti sei trovato di fronte all’inizio dell’avventura in OmnitechIT, e come l’hai affrontato e superato?

In un ambiente in cui c’è una collaborazione a 360° diventa tutto più facile. Si può lavorare in squadra e non come un uomo solo, vincere insieme, affrontare i problemi, sia prevedibili che imprevedibili.

D’altronde non credo che oggi esista un modo alternativo alla collaborazione. Tante menti che lavorano per un’unica missione, condivisa.

Nel mio ruolo di coordinatore vivo a pieno questo obiettivo: essere un facilitatore per il lavoro delle persone del team PM ed essere qualcuno di cui le persone si fidano e con cui si con-fidano.

Ricordi un episodio della tua vita professionale che ha segnato il tuo percorso e che ti ha lasciato una lezione di vita?

Il ricordo di un un episodio che rimanda ad una sensazione che rivivo quasi ogni giorno in OmnitechIT. L’approccio, l’atmosfera che ‘senti’, tutto serve a rendere il rapporto tra preparati professionisti in qualcosa di più.

Alla fine diciamolo: il rapporto tra colleghi si trasforma spesso in amicizia e lo dico perché non sono mancati momenti in cui eventi personali (recentemente il matrimonio di una persona del team) sono stati vissuti da tutti i colleghi con partecipazione.

E alla fine un po’ di allegria e goliardia nella vita non guasta.

Che cosa hai trovato e cosa trovi oggi nel tuo ambiente di lavoro in OmnitechIT che ti dà il senso e le motivazioni “giuste”?

La motivazione arriva dalla squadra. E su questo si costruisce la storia personale e professionale di tutti noi.

Alla fine in OmnitechIT mi sento libero di essere me stesso e riesco a dare il meglio di me. Questo vale tantissimo.

Qual’è la frase o l’affermazione che meglio ti rappresenta e meglio rappresenta l’esperienza in OmnitechIT, umana e professionale.

Un’affermazione di un mio professore ai tempi dell’Università è questa: “non vedere i problemi solo come problemi, ma come fonte di soluzioni”.

Non chiuderti in vicoli ciechi nei quali le cose che ti preoccupano ti annebbiano e non ti fanno ragionare. Alla fine è il concetto di Happy Problems. Concentrarsi sulle soluzioni e le opportunità che i problemi intrinsecamente hanno, credo consenta di ottimizzare il proprio effort e contemporaneamente vivere queste situazioni in maniera molto meno negativa.

Un giorno un cliente mi disse che per il progetto aveva scelto il Team OmnitechIT perchè ”…. so che prenderete in carico i miei problemi come se fossero i vostri”. Qui sta la differenza.

Cosa diresti a una persona che volesse lavorare in OmnitechIT per aiutarla a decidere?

Se avessi davanti a me uno studente che ama le materie scientifiche, la matematica e l’informatica gli direi:

“Per trovare la tua strada nel lavoro e l’indipendenza, cerca un azienda in cui c’è attenzione alle idee ed al miglioramento continuo.

Sii coraggioso nella ricerca di un ambiente ricco di cambiamenti e dinamico, perchè nel cambiamento c’è il sale della vita. Trova un luogo di lavoro dove le persone si parlano, si confrontano e si aiutano.

Lavorare in squadra fa la differenza. Ricorda che la formazione e l’aggiornamento non è un percorso che si esaurisce con l’Università, ma va avanti sempre.

Io questo posto l’ho trovato, sono felice di lavorare alla OmnitechIT!”