Massimo Bocconi

Massimo Bocconi

Project Manager

ENEN
ITAITA

Here we are at the fourth story. 

This story is told by Massimo Bocconi, PM of OmnitechIT Group.

Learn a trade for a rainy day

What is your name and where were you born?

Good morning. My name is Massimo Bocconi and I was born in Rome where I currently live.

What are your main passions and the things you love the most? What are the things you can’t stand?

My greatest passion, and it’s not rhetoric, is my family. I recently got married and I live a very happy moment sentimentally, with great satisfaction and serenity.

Then there is the passion for cycling. I take my bike whenever I can, even commuting to work. It helps keep me in good shape.

Besides, I could mention a special hobby I have practiced for years. I am fond of board games. I love especially ‘strategy games’ in which the dynamics are focused on the positioning of counters on the scoreboard, to obtain certain results. We schedule a weekly evening appointment to play it with my close friends.

I’m very attached to this rendezvous because I am convinced that strategy games can “help keep minds young and active”.

What annoys me instead? Well, I would say that I don’t like very much people who are not empathic, not open-minded, who don’t try to put themselves in the shoes of the others.
To explain better, I have little patience with those who care little about everything around them and the environment in which they live.

I believe that empathy is a quality that is essential to collaborate with others. Listen carefully and give importance to the others’ points of view.

How did you get to OmnitechIT and what role do you have in the company today?

My arrival at OmnitechIT comes after graduating in Environmental and Resource Engineering in 2001.

A dear friend of mine was at OmnitechIT and often talked to me about his work and what was going on at the company. Above all, I saw him with an always positive approach and I would say that he even seemed happy to go to the office. It didn’t seem possible to me, especially comparing it with other friends and acquaintances who appeared demotivated and saddened by their work.

A long time later, I had the opportunity to try to introduce myself to OmnitechIT for an application.

Today, I’m here making this interview with you for OmnitechIT stories. At the end, the story had a happy ending.

Do you remember the moment you first entered OmnitechIT, the first people you met, your feelings, fears, uncertainties, projects, dreams?

I remember so many people moving from an office to another one with laptop in their hands. This moving of people struck me and made me think about how people were bringing their work to colleagues to share it. And they didn’t limit themselves to sending emails or chat messages.

This first imprinting was later confirmed.

As Project Manager, how did you overcome the inevitable difficulties encountered at the beginning of the adventure in OmnitechIT, and how did you deal with it?

When I joined the company, we said that I treasured a well-known popular saying:

“Learn a trade for a rainy day”

In my life, I have had many different experiences that at that moment did not seem important to me, but at a later time were really useful.

So I understood that by accumulating experiences, listening to people and meaningful stories, always studying and updating myself, I acquired a heritage of knowledge and “know-how” that sooner or later could be useful at the right time.

And it is this “piggy bank” of stories and skills in various fields that has allowed me to start in OmnitechIT on the right foot.

Do you remember an episode in your professional life that marked your path and left you a life lesson?

An example linked to my past experience in a Theatre Workshop. It’s an experience that has helped me be effective in public speaking, overcoming the natural shyness and fears of the stage. This ability to ‘control’ adrenaline in public and be effective with colleagues, clients and managers is a classic example of how important it is to have more skills in various fields to keep ready for use. Never settle and never be presumptuous, thinking you know everything.

What did you find and what do you find in your work environment today at OmnitechIT that gives you the “right” sense and motivation?

A phrase of OmnitechIT’s values has particularly impressed me since the beginning of my adventure.

Be Brave and Go Beyond.

But not only that. I also liked the motto People and People Development First.

These are both expressions of values that I share and that I find in OmnitechIT. And they are values that reflect the behaviors that I see around me every day. That’s what counts.

What is the phrase or statement that best represents you and best represents the experience in OmnitechIT, human and professional?

I repeat again. “Learn a trade for the rainy day”. That’s how I think it works, if you want to get satisfaction on the job … and not only.

What would you say to a person who would like to work at OmnitechIT to help them decide?

I think that if I was involved in an interview with a candidate I would say:

“Learn the trade….. but not be limited to this. Turn skills and competences into action. Grasp from experts and their experiences and find ways to replicate them in other fields.

Remember that everyone, not just managers or influential or “successful” people bring stories full of meanings.

Do not be arrogant. Look for quality people (there is an innate sixth sense to finding out) and listen carefully to what they do and also what they “don’t say”.

Finally, in OmnitechIT people with such quality work on company projects. So, all those who really like managing projects and love Information Technology could find their “safe harbor” here.

That has been the case for me.”


Eccoci alla quarta storia. 

Questa storia ce la racconta Massimo Bocconi, PM di OmnitechIT Group.

Impara l’arte e mettila da parte

Come ti chiami e dove sei nato?

Buongiorno. Mi chiamo Massimo Bocconi e sono nato a Roma dove attualmente vivo.

Quali sono le tue principali passioni e le cose che ami di piu’? Quali sono le cose che non sopporti?

La mia più grande passione, e non è retorica, è la mia famiglia. Mi sono sposato da poco e vivo un momento molto felice dal punto di vista sentimentale, di appagamento e serenità.

Poi c’è la passione per la bicicletta. Vado in bici ogni volta che posso, anche a lavoro, compatibilmente con gli impegni e le priorità.
Mi aiuta a mantenermi in buone condizioni di forma fisica e mi tiene lontano dal traffico di Roma.

Se oltre alle passioni posso annoverare anche gli Hobby un appuntamento che cerco di mantenere fisso è la serata di gioco con gli amici.

Per gioco intendo Boardgames. Quelli che prediligo sono i giochi di piazzamento in cui la dinamica è incentrata sul posizionamento di pedine sul tabellone, allo scopo di ottenere determinati risultati. In estrema sintesi sono giochi di strategia e di simulazione.
Ci tengo molto a questo appuntamento perché penso che “i giochi, come ad esempio questi di strategia, allenino la mente e la mantengono sempre giovane a attiva”.

Le cose che invece mi infastidiscono? Beh, direi che non amo molto le persone poco empatiche, poco aperte mentalmente, che non provano a mettersi nei panni dell’altro.

Per spiegarmi meglio ho poca pazienza con chi da poca importanza a tutto ciò che lo circonda e all’ambiente stesso nel quale vive.
Credo che l’empatia sia una qualità, essenziale per poter collaborare con gli altri. Ascoltare con attenzione e dare importanza agli altri per dare valore alla conversazione stessa e al rapporto umano che ci sta dietro.

Come sei approdato a OmnitechIT e che ruolo ricopri oggi in azienda?

Il mio approdo in OmnitechIT arriva dopo aver conseguito una Laurea in Ingegneria Ambientale e delle Risorse, conseguita nel 2001.

Un mio caro amico era in OmnitechIT e mi parlava spesso del suo lavoro e di cosa succedeva in azienda. Soprattutto lo vedevo con un approccio sempre positivo e direi che sembrava addirittura contento di andare in ufficio. Non mi sembrava possibile, soprattutto confrontandolo con altri amici e conoscenti che invece apparivano demotivati e intristiti dal loro lavoro.

Molto tempo dopo ho avuto l’opportunità di provare a presentarmi in OmnitechIT per una candidatura.

Oggi sono qui e faccio l’intervista per OmnitechIT Stories. Evidentemente la storia ha avuto un lieto fine, come desideravo e speravo.

Ricordi il momento che sei entrato la prima volta in OmnitechIT, le prime persone incontrate, le tue sensazioni, paure, incertezze, progetti, sogni?

Ricordo tante persone che si spostavano da un ufficio ad un alto con il computer in mano. Questo muoversi con il PC mi ha subito colpito e mi ha fatto riflettere su come le persone portassero dai colleghi non solo se stessi ma anche il loro lavoro per condividerlo. E non si limitassero quindi a mandate email o messaggi via chat tra di loro

Questa prima imprinting è stato una conferma di quanto avevo già immaginato e intuito: un luogo di collaborazione a 360°.

Come capo Progetto come hai superato le inevitabili difficoltà incontrate all’inizio dell’avventura in OmnitechIT, e come l’hai affrontate?

Durante il mio inserimento in azienda, diciamo che ho fatto tesoro di un noto detto popolare:

“impara l’arte e mettila da parte”.

Nella mia vita ho fatto molte esperienze diverse che sul momento non mi apparivano forse importanti, ma che in un secondo tempo mi sono state davvero utili.

Quindi ho capito che accumulando esperienze, ascoltando persone e storie significative, studiando e aggiornandomi sempre, ho acquisito un patrimonio di conoscenza e di “saper fare” che prima o poi puo’ tornare utile nel momento opportuno.

Ed e’ proprio questo “salvadanaio” di storie e competenze in vari campi che mi ha permesso di partire in OmnitechIT col piede giusto.

Ricordi un episodio della tua vita professionale che ha segnato il tuo percorso e che ti ha lasciato una lezione di vita?

Un esempio legato alla mia passata esperienza in un Laboratorio di Teatro. E’ un’esperienza passata che mi ha aiutato a essere efficace nel parlare in pubblico, superando le naturali timidezze e paure del palco. Questo riuscire a ‘controllare’ l’adrenalina in pubblico ed essere efficace con colleghi, clienti e manager è un classico esempio di come sia importante avere più competenze in vari campi da tenere pronte all’uso. Mai accontentarsi e mai essere supponenti, pensando di sapere tutto.

Che cosa hai trovato e cosa trovi oggi nel tuo ambiente di lavoro in OmnitechIT che ti da il senso e le motivazioni “giuste”?

Una frase dei valori di OmnitechIT mi ha particolarmente colpito fin dall’inizio della mia avventura.

Be Brave and Go Beyond.

Ma non solo. Ho anche apprezzato il motto “People and People Development first”.

Sono tutti e due espressioni di valori che condivido e che mi trovano a fianco di OmnitechIT. E sono valori specchio di comportamenti che vedo attorno a me tutti i giorni. Che è poi quello che conta.

Quale è la frase o l’affermazione che meglio ti rappresenta e meglio rappresenta l’esperienza in OmnitechIT, umana e professionale.

Ripeto. Impara l’arte e mettila da parte. E’ proprio cosi’ che secondo me funziona, se vuoi ottenere soddisfazioni nel lavoro…e non solo.

Cosa diresti a un/una persona che volesse lavorare in OmnitechIT per aiutarla a decidere?

Io penso che se fossi coinvolto in un colloquio con un candidato gli/le direi:

“Impara l’arte, e qui mi ripeto un’ultima volta, ma non solo.

Non lasciare queste competenze, questa arte, inattiva ma mettile in azione.

Ruba con gli occhi le esperienze delle persone intorno a te e trova il modo di replicarle.

Ricorda che tutti, non solo manager o le persone influenti o di successo portano con se una storia ricca di significati. Basta scoprirli leggendoli attraverso il loro racconto e la tua capacità di ascolto.

Non essere mai ne arrogante ne snob. Cerca persone di qualita’ (esiste un innato sesto senso nello scoprirlo) e ascolta con attenzione quello che dicono e anche quello che “non dicono”.

Infine, in OmnitechIT lavorano ai progetti aziendali persone con tanta qualità. Per cui tutti coloro che hanno veramente voglia di fare e di imparare trovano qui il loro approdo sicuro.

Per me è stato così.”