Martha Picciarella

Martha Picciarella

Head of the Control Room

ENEN
ITAITA

The second story is told by

Martha Picciarella, Head of the Control Room, OmnitechIT Group

The hidden force that is within each of us

What’s your name and where were you born?
My name is Martha Picciarella, I was born in Rome, where I currently live.

Martha, what are your main passions and the things you love most? What are the things you can’t stand?
The first of my passions, which comes first and fills my life with meaning, is my family. I have two girls who are 4 and 6 years old respectively and who give me so much joy and happiness. Balancing work and home it is not easy, but every second I spend with my daughters is well spent.

As for the things I can’t stand, I want to make a premise. I have always been a determined and precise person. I like clean and clear things between people. It’s said around me, “I don’t wear a blindfold in my mouth,” which means, “I’m not sending them out to say” things for me.
So, I don’t like people who are unclear and opportunistic very much. Better a frank person and frank communication, than an apparent sympathy that turns, ‘behind the back’, in disagreement and hostility. It is not good for those who do it and does not help the environment in general. Better to avoid that.

How did you get to OmnitechIT and what role do you play today in the company?
I joined OmnitechIT in 2015. It was a natural step from my previous experiences, especially because I know the management of OmnitechIT well (for 17 years) and I experienced the history of OmnitechIT since the birth of the company, that was part of my personal history as well.

Today I am in charge of the “OmnitechIT Control Room” and in my staff there are 16 young, skilled technicians and 4 service managers. A great group that is performing an excellent job. Among other things, the group of the Control Room was born with me and this consideration always fills me with pride, which I also pass on to the people of my team.

Do you remember the moment you first joined OmnitechIT, the first people you met, your feelings, fears, uncertainties, projects, dreams?
The arrival in OmnitechIT was a bit like saying ….natural. I had met Roberto Mignemi, current CEO, Roberto Marianecci, Paolo Bruni and others of the current Management Team in the past and, therefore, I entered the company knowing quite well what this new professional adventure could bring me. Obviously with so much enthusiasm and desire to do things, especially to do things well.

How did you build the role? How does the decision-making process happen?
When working at OmnitechIT you can’t ignore some aspects of the work environment: the company as a whole has a familiar, personal and ‘agile’ team management approach. Agile means that between the problem or initiative arising and its implementation, the steps are short, stringent and reduced to the essentials. Communications and exchanges between colleagues to share information and find the best solutions are quick and informal. A beautiful way of working, where stress disappears in the face of the desire to collaborate that generates solutions and new ideas.

Certainly then, in important decisions I am the first to define how to proceed, listening to everyone, but taking my responsibilities. It is right that this should be the case. For a spirit of service, I believe that being a manager is just making the important decisions and somehow protecting the people, helping them grow and team up.

 

Do you remember an episode in your professional life that marked your path and left you with a life lesson?
In fact, I can think of an episode that I remember very clearly, the one about a job that I did previously, before coming to OmnitechIT.

At the time, I had just been named PM for a client of whom I knew nothing, I did not know who was responsible, and I also knew little about the solution to be proposed. When my boss at the time told me to introduce myself to the client and work with him, the situation created strong personal stress and I protested vigorously with my manager. I finally faced the situation with disdain, but found a way out of it winning.

From that story, however, I understood one thing: that in the end that experience had done me good.
In fact, having faced discontent and having overcome my fears with my strengths, helped me in my personal and professional life to have more ‘awareness of my potential’.

The memory of this experience sometimes pushes me to ask my collaborators (and myself) to do the same: “go beyond”, go beyond your limits, try new territories, you will discover things about yourself that you do not even know, and you will understand the hidden strength that is within each of us.

What did you find and what do you find today in your working environment at OmnitechIT that gives you the “right” sense and motivation?
The story of OmnitechIT is my story and I share it with people of value that I like and with whom I feel very well. I trust OmnitechIT’s potential to grow and value in the years to come.

I am convinced that the OmnitechIT environment with its values will allow (and is already doing so today) to generate a virtuous circle and the magic point of encounter between skills, always at the forefront, excellent business results, and the success, growth and satisfaction of our people. There is always an open door and an attentive ear to the proposals made by the people of the OmnitechIT Team. And there is no organizational level that cannot be reached when faced with a good idea. The doors are open.

What is the phrase or statement that best represents you and best represents the experience in OmnitechIT, human and professional?
A phrase that I always keep in mind and that helps me to overcome with courage moments of troubles, is my father’s favourite motto:

“There’s an answer for everything”

This willingness to overcome difficulties and move forward by focusing on solutions remains a firm point of my world view.

What would you say to someone who would like to work at OmnitechIT to help them decide?
First, I hope to have plenty of opportunities to speak to potential candidates willing to join OmnitechIT.

Then, the things I would say to a potential candidate are:

“If you are a person who loves technical matters and computer science, here at OmnitechIT you will be at home.

OmnitechIT is a company that put its employees and their human and professional growth among its basic values.

If you want to learn, here at OmnitechIT there are a thousand ways: challenging projects, colleagues to deal with, managers to help address and solve problems, etc.

In the company there are many, many training courses that you can subscribe to, so you can be always up to date and….happy.”

La seconda storia ce la racconta

Martha Picciarella, Responsabile della Control Room di OmnitechIT Group

La forza nascosta che è dentro ognuno di noi

Come ti chiami e dove sei nata?
Mi chiamo Martha Picciarella, sono nata a Roma dove attualmente vivo.

Martha, quali sono le tue principali passioni e le cose che ami di più? Quali sono le cose che non sopporti?
La prima delle mie passioni, che viene prima di tutte e che riempie di senso la mia vita, è la mia famiglia. Ho due bambine che hanno rispettivamente 4 e 6 anni e che mi danno tanta gioia e felicità. Certo sono faticose da gestire perché l’impegno tra lavoro e case è pressante, ma ogni secondo che passo con loro è ben speso.

Per quanto riguarda le cose che non sopporto, mi preme fare una premessa. Sono sempre stata una persona determinata e precisa. Mi piacciono le cose nette e chiare tra le persone. Dalle mie parti si dice: “non mi tengo un cecio in bocca”, che significa “non le mando a dire”.

Per cui non amo molto le persone non chiare e che sono opportuniste. Meglio una comunicazione franca e schietta, che una apparente simpatia che si trasforma, ‘dietro le spalle’, in disaccordo e ostilità. Non fa bene a chi lo fa e non aiuta l’ambiente in generale. Meglio evitare.

Come sei approdata a OmnitechIT e che ruolo ricopri oggi in azienda?
Sono arrivata in OmnitechIT nel 2015. È stato un passaggio naturale dalle mie precedenti esperienze, soprattutto perché conosco bene il Management di OmnitechIT (da ben 17 anni) e ho vissuto la storia OmnitechIT dalla nascita della società che è stata parte della mia personale storia.

Oggi sono la responsabile della “Control Room” e nel mio staff ci sono 16
giovanissimi tecnici e 4 Service Managers. Un bel gruppo che sta facendo a un eccellente lavoro.

Tra l’altro il gruppo della Control Room è nato con me e questa considerazione mi riempie sempre di orgoglio, che trasmetto anche alle persone della mia squadra.

Ricordi il momento che sei entrata la prima volta in OmnitechIT, le prime persone incontrate, le tue sensazioni, paure, incertezze, progetti, sogni?
L’arrivo in OmnitechIT è stato un po’ come dire ….naturale. Avevo conosciuto Roberto Mignemi, attuale CEO, Roberto Marianecci, Carlo Bruni e altri dell’attuale Management Team in passato e, quindi, sono entrata in azienda sapendo abbastanza bene cosa mi avrebbe portato questa nuova avventura professionale. Ovviamente con tanto entusiasmo e voglia di fare, soprattutto fare bene.

Come ti sei costruita il ruolo? Come avviene il processo decisionale?
Nel lavorare in OmnitechIT non si può prescindere da alcuni aspetti dell’ambiente di lavoro: l’azienda ha nel suo insieme un approccio familiare, personale e con un management team ‘agile. Per agile si intende che tra il sorgere del problema o dell’iniziativa e la sua realizzazioni i passaggi sono brevi, stringenti e ridotti all’essenziale. Le comunicazioni e i confronti tra colleghi per condividere informazioni e trovare le soluzioni migliori sono veloci e improntati all’informalità. Un bellissimo modo di lavorare, dove lo stress sparisce di fronte alla voglia di collaborazione che generi soluzioni e nuove idee.

Certamente poi nelle decisioni importanti sono io la prima a definire come procedere, ascoltando tutti, ma prendendomi le mie responsabilità. È giusto che sia cosi’. Per uno spirito di servizio credo che essere un manager sia proprio assumere in prima persona le decisioni importanti e proteggere in qualche modo le proprie persone, facendole crescere e facendo squadra.

 

 

 

 

Ricordi un episodio della tua vita professionale che ha segnato il tuo percorso e che ti ha lasciato una lezione di vita?
In effetti mi viene in mente un episodio che ricordo molto nitidamente, quello relativo ad un lavoro che facevo in precedenza, prima di approdare in OmnitechIT.

Al tempo ero stata appena nominata PM di un cliente di cui non conoscevo nulla, non sapevo chi fosse il responsabile e conoscevo anche poco della soluzione da proporgli. Quando il mio capo dell’epoca mi disse di presentarmi dal cliente e di lavorare da lui, la situazione mi creò un forte stress personale e protestai vigorosamente col mio manager.
Alla fine affrontai di malavoglia la situazione ma trovai il modo di uscirne vincente. Da quella storia capii però una cosa: che alla fine quell’esperienza mi aveva fatto bene.

Infatti aver affrontato un territorio sconosciuto e aver superato con le mie forze le paure, mi ha aiutato nella mia vita personale e professionale a avere più consapevolezza delle mia potenzialità.

Il ricordo di questa esperienza talvolta mi spinge a chiedere ai miei collaboratori ( e a me stessa) di fare lo stesso:
“go beyond”, andate oltre i vostri limiti, provate territori nuovi, scoprirete cose di voi stessi che neanche conoscete e capirete la forza nascosta che è dentro ognuno di noi.

Che cosa hai trovato e cosa trovi oggi nel tuo ambiente di lavoro in OmnitechIT che ti da il senso e le motivazioni “giuste”?
La storia di OmnitechIT è la mia storia e la condivido con persone di valore che mi piacciono e con cui sto molto bene.
Ho fiducia nelle potenzialità di OmnitechIT di crescere e di dare valore negli anni a venire
Sono convinta che l’ambiente OmnitechIT con i suoi valori permetterà (e lo sta già facendo oggi) di generare un circolo virtuoso e il punto magico di incontro tra competenze sempre all’avanguardia, eccellenti risultati di business e successo/crescita e soddisfazione delle persone.
C’è sempre una porta aperta e un orecchio attento alle proposte che vengono fatte dalle persone del Team OmnitechIT. E non c’è livello organizzativo che non possa essere raggiunto di fronte ad una buona idea. Le porte sono aperte.

Qual è la frase o l’affermazione che meglio ti rappresenta e meglio rappresenta l’esperienza in OmnitechIT, umana e professionale?
Una frase che tengo sempre a mente e che mi aiuta a superare con coraggio i momenti di difficoltà, è una frase di mio padre:

“A tutto c’è rimedio”

Questo volontà di superare le difficoltà e di andare avanti concentrandosi sulle soluzioni resta un punto fermo della mia visione del mondo.

Cosa diresti a una persona che volesse lavorare in OmnitechIT per aiutarla a decidere?
Prima di tutto spero e, anzi, sono convinta, che ci saranno spesso occasioni per parlare con potenziali candidati ad entrare in OmnitechIT.

Poi, le cose che direi ad un potenziale candidato sono queste:

“Se sei una persona che ama le materie tecniche e ama l’informatica qui in OmnitechIT sarai a casa tua.

OmnitechIT è una azienda che mette tra i suoi valori fondanti le persone e la loro crescita umana e professionale.

Se hai voglia di imparare qui in OmnitechIT ci sono mille modi: progetti sfidanti, colleghi con cui confrontarsi, manager che aiutano a indirizzare e risolvere problemi.

In azienda ci sono moltissimi corsi di formazione e training a cui potrai iscriverti, per essere sempre aggiornato, al passo con i tempi, per competenze e novità del mercato.”