Carlo Comparini

Carlo Comparini

ENEN
ITAITA

Here we are at the third story. 

This time Carlo Comparini, PM of OmnitechIT Group, speaks.

The best is yet to come!

What is your name and where were you born?
My name is Carlo Comparini, I was born and live in Rome.

What are your main passions and the things you love the most? What are the things you can’t stand?
My greatest passion, besides my work, is football, as a fan and as an amateur player. I also love jogging and cycling. I think fitness is one of the best ways to keep your mind and body awake.

I am also a father and a husband, and this aspect of my life has changed my perspectives. Being part of a family is like being part of a team. A sense of responsibility and belonging emerges and individualism and ego are lowered in parallel.

The things I love the least are the “complaints”. There are moments in life and work where perhaps it is not enough to emphasize aloud the things that are not going well, giving up.
The effect is that the problem remains unsolved, the mood worsens, you are disappointed, your working gets worse. I really struggle to stand the “complaint mood”. And I don’t think I’m the only one.

How did you get to OmnitechIT and what role do you have in the company today?
I joined OmnitechIT in February 2017, so not a long time ago. A little anecdote: I remember that, although I didn’t have the formal confirmation of my hiring, I took part in the Kick Off OmnitechIT at the beginning of 2018 and it was precisely this event that was my very beginning in the company. A beautiful memory.

Today I am an OmnitechIT Project Manager and I follow important projects and for important clients, and internal projects as well. It’s a very challenging mission but there’s no shortage of satisfactions and rewards. Being a PM in OmnitechIT is always a very stimulating experience, it requires maximum concentration and adaptability because new activities are always emerging and priorities are constantly changing.

This is a company that makes its ability to adapt quickly to the market a strategic choice, I would say a “vocation”. Being able to close projects in this context with customer’s full satisfaction pays off many of these efforts.

So a fast, quick environment, where things happen and not just words, where there is always the utmost attention to the needs of customers, who are the focus of everything that happens inside OmnitechIT.

As Project Manager, how did you overcome the difficulties you found at the beginning of the adventure in OmnitechIT, and how did you deal with them?


The support of colleagues has been crucial. They have always been close to me, especially at the beginning of my journey, and since then they have always been ready to give me ‘straight’ advice, I never felt alone.

Then, listening to customers and their problems: they are the focus of our attention and our actions. And the great challenge is to listen to their needs, to grasp even the hidden ones, and anticipate their needs, to amaze them and to get ahead of the competitors.

Do you remember an episode in your professional life that marked your path and left you a life lesson?
I had just taken care of one of OmnitechIT’s most important customers and one evening there was a production problem, colleagues in the support team had to react quickly. And, despite the time, from the moment of the report onwards, the dedicated team mobilized and from 9:00 pm to 2 am, connected through WhatsApp, we coordinated. So the next morning, although the problem was not solved, it was possible to properly manage the situation with the customer who then kept a high regard for the service we offer. This confirmed my first impression: I had really joined a team.

What is the phrase or statement that best represents you and best represents the experience in OmnitechIT, human and professional?

I am reminded of a phrase that often comes to my mind when I am in OmnitechIT: “the best is yet to come”. It is a wish, and a way of seeing the world, it is my personal way of seeing the future and I share it with my colleagues in the office and my friends. From this point of view, I think I’m lucky because what I do sows a positive seed.

What would you say to a person who wanted to work at OmnitechIT to help them decide?
Those who approach OmnitechIT and the delivery area in particular, must have a real passion for IT issues, because the things we really love are the things we do best, but also because here it is necessary to adapt continuously and without passion we do not have the strength to support the hardships of change. And in the long run, we will be recognized.

Secondly, I would say to him or her to constantly do new things.

“Challenge yourself, look for work environments where collaboration can help you.

Find “your” meeting point between collaboration and autonomy. OmnitechIT is a company in which training and the development of skills is fundamental and is encouraged in all ways.

The most intense training activity I’ve had is a course to make me a coach and thus a person able to help people set their own goals and find the resources to achieve them.

In summary:

Do you like challenges? Welcome to OmnitechIT.”

Eccoci alla terza storia. 

Questa volta parla Carlo Comparini, PM di OmnitechIT Group

Il bello deve ancora venire!


Come ti chiami e dove sei nato?
Mi chiamo Carlo Comparini, sono nato e vivo a Roma.

Quali sono le tue principali passioni e le cose che ami di più? Quali sono le cose che non sopporti?
Le mie più grandi passioni, al di fuori del lavoro, sono il calcio, sia come tifoso che giocato in forma dilettantistica. Amo inoltre fare jogging e andare in bici. Penso che la forma fisica sia anche uno dei modi migliori per tenere svegli la mente e il corpo.

Sono anche un papà e un marito, e questo aspetto della mia vita mi ha cambiato le prospettive. Essere parte di una famiglia è come essere parte di una squadra. Emergono il senso di responsabilità e di appartenenza e si abbassa parallelamente l’individualismo e l’ego.

Le cose che amo meno sono le “lamentele”. Ci sono momenti nella vita e nel lavoro dove non basta rimarcare magari ad alta voce le cose che non vanno, rassegnandosi. Bisogna proporre soluzioni altrimenti l’effetto è che il problema rimane e l’umore peggiora, si sta peggio, si lavora peggio. Faccio davvero fatica a sopportare le lamentele. E non credo di essere il solo.

Come sei approdato a OmnitechIT e che ruolo ricopri oggi in azienda?
Sono arrivato in OmnitechIT a Febbraio 2017, quindi non da molto. Un piccolo aneddoto. Mi ricordo che, pur non avendo la conferma formale dell’assunzione, ho partecipato al Kick Off OmnitechIT a inizio 2018 ed è stato proprio quello il mio ‘battesimo in azienda’. Un bellissimo ricordo.

Oggi sono un Project manager OmnitechIT e seguo importanti progetti, e per clienti importanti. Ma anche progetti interni. È una missione molto impegnativa ma le soddisfazioni e le gratificazioni non mancano.

Essere PM in OmnitechIT è un’esperienza sempre molto stimolante, richiede la massima concentrazione, capacità di adattamento perché emergono sempre nuove attività e cambiano di continuo le priorità Questa è un’azienda che fa della propria capacità di adattamento rapido al mercato una scelta strategica, direi una vocazione. Riuscire a chiudere i progetti in questo contesto con la soddisfazione dei clienti ripaga di molti degli sforzi.

Quindi un ambiente veloce, svelto, dove le cose accadono, non a parole, dove c’è sempre la massima attenzione alle esigenze dei clienti, che sono al centro di tutto quello che accade all’interno in OmnitechIT.

Come capo Progetto come hai superato le difficoltà trovate all’inizio dell’avventura in OmnitechIT, e come le hai affrontate?

 


Il supporto dei colleghi è stato fondamentale. Mi sono stati sempre vicini, soprattutto all’inizio del mio percorso, e da allora sono stati sempre pronti a darmi un consiglio e una ‘dritta’. Non mi sono sentito mai solo.

Poi l’ascolto dei clienti e delle loro problematiche: sono al centro della nostra attenzione e del nostro agire. E la grande sfida è quella di ascoltare le loro esigenze, cogliere anche quelle nascoste, e anticipare le loro necessità, per stupire e per arrivare prima dei concorrenti.

Ricordi un episodio della tua vita professionale che ha segnato il tuo percorso e che ti ha lasciato una lezione di vita?
Avevo appena preso in carico uno dei clienti più rilevanti di OmnitechIT e una sera c’è stato un problema in produzione, i colleghi del team di supporto, hanno dovuto reagire velocemente. E, nonostante l’orario, dal momento della segnalazione in poi il team dedicato si è mobilitato e dalle 21:00 alle 2 di notte, collegati attraverso WhatsUP, ci siamo coordinati, così al mattino dopo, benché il problema non fosse risolto è stato possibile gestire adeguatamente la situazione con il cliente che quindi ha mantenuto alta la considerazione nei confronti del servizio che gli offriamo. Questo ha confermato la mia prima impressione: ero entrato davvero a far parte di una squadra.

Quale è la frase o l’affermazione che meglio ti rappresenta e meglio rappresenta l’esperienza in OmnitechIT, umana e professionale?
Mi viene in mente una frase che spesso mi ‘suona’ nella mente quando sono in OmnitechIT: “il bello deve ancora venire”. È un auspicio, e un modo di vedere il mondo, è il mio personale modo di vedere il futuro e lo condivido con i miei colleghi d’ufficio e i miei amici. Ritengo da questo punto di vista di essere fortunato perché quello che faccio semina positività.

Cosa diresti a una persona che volesse lavorare in OmnitechIT per aiutarla a decidere?
Chi si avvicina a OmnitechIT e all’area delivery in particolare, deve avere una vera passione per le questioni l’informatica, perché le cose che amiamo davvero sono quelle che facciamo meglio, ma anche perché qui è necessario adattarsi continuamente e senza passione non abbiamo la forza per sostenere le fatiche dei cambiamenti. E alla lunga ci verrà riconosciuto.

Secondariamente, gli direi di fare continuamente cose nuove.

“Sfidate voi stessi, cercate ambienti di lavoro dove la collaborazione vince sull’individualismo.

Trovate il “vostro” punto di incontro tra collaborazione e autonomia.

OmnitechIT è un’azienda nella quale il training e la crescita di competenze è fondamentale e viene favorita in tutti i modi.

L’attività di formazione più intensa che ho avuto è un corso per rendermi un coach e quindi una persona capace di aiutare le persone a fissare i propri obiettivi e a trovare le risorse per realizzarli.

In sintesi:

Vi piacciono le sfide? Benvenuti.”